TRUFFE NEL MACERATESE: BANCARIO INVALIDO 100% FACEVA ALLENATORE. GDF MACERATA SCOPRE ANCHE DUE FALSI CIECHI

Lotta ai ‘furbetti’ da parte della Guardia di finanza di Macerata, che ha scoperto – ultimi in ordine di tempo – tre falsi invalidi, per una truffa all’Inps di circa 100mila euro. Il caso più eclatante è quello di un dipendente di banca di 42 anni con difficoltà motorie, che era riuscito a ottenere l’invalidità […]

 

guardia-di-finanza

Lotta ai ‘furbetti’ da parte della Guardia di finanza di Macerata, che ha scoperto – ultimi in ordine di tempo – tre falsi invalidi, per una truffa all’Inps di circa 100mila euro. Il caso più eclatante è quello di un dipendente di banca di 42 anni con difficoltà motorie, che era riuscito a ottenere l’invalidità al 100% irreversibile e a usufruire dei permessi consentiti ai portatori di handicap grave (dal 2006 a oggi ne aveva beneficiato per 900 ore), ma è stato sorpreso ad allenare una squadra di calcio giovanile. I finanzieri lo hanno filmato proprio mentre palleggiava in un campo di calcio con i giocatori. Tra l’altro, per svolgere questa attività, che gli fruttava 750 euro al mese, il bancario aveva presentato alla Figc un certificato di sana e robusta costituzione. L’altro caso riguarda una 36enne di Camerino, dichiarata cieca totale ma sorpresa a fare shopping, prelevare denaro al bancomat e mostrare senza difficoltà a un militare che l’aveva fermata all’uscita di un negozio lo scontrino della merce acquistata. Nei guai, infine, un dipendente comunale che, dichiarato cieco dal 2004, beneficiava della pensione di invalidità. Tuttavia era stato più volte fermato dai finanzieri mentre era alla guida della sua auto. Tra l’altro aveva anche rinnovato la patente nel 2009.  Sottoposti tutti e tre a una visita di controllo, sono risultati essere effettivamente falsi invalidi. Nel caso del bancario-allenatore si è stabilito che aveva perso l’invalidità totale dal momento che aveva subito un’operazione chirurgica all’anca e aveva ripreso la sua funzionalità sia pure parziale. La Guardia di finanza ha segnalato all’Inps anche altri tre casi sospetti.

Leggi l’articolo qui…

WhatsApp chat