Il Ministero della Disabilità alla leghista Erika Stefani

https://www.associazioneinvalidi.org/?p=1917&preview=true&swcfpc=1

Il Ministero della Disabilità alla leghista Erika Stefani

Con il Governo Draghi è nato il Ministero della Disabilità. Ma cosa farà questo nuovo Ministero? Innanzitutto, si occuperà di tutelare e promuovere i diritti e le pari opportunità delle persone disabili e non autosufficienti, in ambito sociale; mentre, nell’ambito delle politiche del lavoro, detterà gli indirizzi generali per l’attuazione della normativa sull’inserimento lavorativo delle persone con disabilità.

Le principali attività sono indirizzate a:

  • sostenere e coordinare progetti e iniziative per l’inclusione delle persone disabili e non autosufficienti, promuovendone l’accesso e la partecipazione attiva al fine di diffondere una nuova cultura della disabilità, fondata sul riconoscimento della pari dignità e delle pari opportunità per tutti;
  • assicurare la piena attuazione della normativa vigente in materia di disabilità, anche nel quadro delle linee d’intervento contenute nel Programma d’azione nazionale;
  • curare la segreteria tecnica dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità;
  • fornire supporto informativo a istituzioni, organizzazioni e cittadini;
  • curare le attività volte a predisporre iniziative legislative e a promuovere analisi e rapporti sul tema;
  • assicurare il raccordo con le organizzazioni rappresentative delle persone con disabilità, con le organizzazioni di volontariato, delle parti sociali e con le formazioni della cittadinanza attiva per promuovere e coordinare gli interventi in favore delle persone disabili e non autosufficienti;
  • favorire lo scambio di buone pratiche, anche in raccordo con le Regioni e gli Enti locali;
  • partecipare alle attività promosse in sede comunitaria e internazionale nel campo della disabilità e della non autosufficienza anche in collaborazione con le competenti istituzioni di altri Paesi.
  • sostenere e coordinare progetti e iniziative per l’inclusione delle persone disabili e non autosufficienti, promuovendone l’accesso e la partecipazione attiva anche al fine di diffondere una nuova cultura della disabilità, fondata sul riconoscimento della pari dignità e delle pari opportunità per tutti;
  • assicurare la piena attuazione della normativa vigente in materia di disabilità, anche nel quadro delle linee d’intervento contenute nel Programma d’azione nazionale;
  • curare la segreteria tecnica dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità;
  • fornire supporto informativo a istituzioni, organizzazioni e cittadini;
  • curare le attività volte a predisporre iniziative legislative e a promuovere analisi e rapporti sul tema;
  • assicurare il raccordo con le organizzazioni rappresentative delle persone con disabilità, con le organizzazioni di volontariato, delle parti sociali e con le formazioni della cittadinanza attiva per promuovere e coordinare gli interventi in favore delle persone disabili e non autosufficienti;
  • favorire lo scambio di buone pratiche, anche in raccordo con le Regioni e gli Enti locali;
  • partecipare alle attività promosse in sede comunitaria e internazionale nel campo della disabilità e della non autosufficienza anche in collaborazione con le competenti istituzioni di altri Paesi.

Chi è Erika Stefani? La nuova ministra, nata nel luglio del 1971, è un’avvocata vicentina entrata in politica con le elezioni amministrative del 1999 come consigliera del comune di Trissino (VI) e, dopo una lunga carriera, è arrivata al Parlamento nel 2013. A giugno del 2018 è stata nominata ministra per gli Affari regionali del primo governo “gialloverde” guidato da Giuseppe Conte e ora si occuperà del delicato tema delle disabilità. Il primo problema che dovrà affrontare sarà quello delle vaccinazioni. Per la ministra, i disabili sono rimasti fuori dalle priorità. “Ascolterò e raccoglierò, tutte le problematiche, i suggerimenti e le soluzioni che hanno le famiglie, molto spesso abbandonate e da sole non riescono a farcela”, ha subito chiarito Erika Stefani riproponendo la figura dei caregiver di cui c’è un testo in discussione in Parlamento.

Erika Stefani

Erika Stefani

Il Ministero della Disabilità alla leghista Erika Stefani

 

Notice: ob_end_flush(): Failed to send buffer of zlib output compression (0) in /home/assinv/public_html/wp-includes/functions.php on line 5420